• LILT di Benevento

    BENVENUTI nella Sezione LILT di Benevento - entra nel sito e partecipa attivamente alla lotta contro i tumori

Top Panel
Giovedì 14 Dic 2017
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
FacebookTwitter
Stampa

Ecografia Tiroidea

Scritto da Super User. Posted in Attività

La LILT di Benevento è dotata di apparecchiatura per l'Ecografica Tiroidea per la prevenzioni di noduli alla tiroide

Cos'è l'ecografia tiroidea?

Negli ultimi anni l’ecografia tiroidea ha acquisito un peso notevole nella diagnostica precoce soprattutto della patologia nodulare tiroidea. L’ecografia tiroidea permette infatti uno screening preciso e dettagliato delle nodularità sospette per calcinoma tiroideo. Viene utilizzata anche come supporto alla metodica di ago aspirato tiroideo ecoguidato, finalizzato ad un controllo citologico per escludere con ragionevole certezza di dubbio il rischio di patologia neoplastica. La sonda ecografica serve in questo caso per guidare l'ago all'interno dei noduli tiroidei, in particolare quando si tratta di lesioni di piccole dimensioni e non palpabili.

Cosa utilizza?

L’ecografia tiroidea utilizza gli ultrasuoni trasmessi da una sonda piana alla frequenza compresa tra 7,5 e 13 MHz. La sonda ecografica emette ultrasuoni in grado di penetrare all'interno del corpo umano e di generare ultrasuoni un segnale di ritorno che, opportunamente elaborato da un computer permette di ottenere l'immagine della tiroide.

A cosa serve?

L’ecografia tiroidea si utilizza principalmente per lo studio della regione del collo, con particolare interesse alla ghiandola tiroidea. L'ecografia tiroidea consente uno screeninig il più accurato possibile grazie alle linee guida nazionali ed internazionali sulla base delle quali è possibile selezionare quelle nodularità meritevoli di essere sottoposte a controllo citologico mediante ago aspirato tiroideo, oppure quelle formazioni nodulari che risultano meritevoli di uno stretto monitoraggio ecografico perchè con caratteri sospetti per eventuale neoplasia benigna o maligna. Nel caso di gozzi multinodulari di grosse dimensioni e verosimilmente di vecchia data, l'esame ecotomografico consente di valutare una eventuale tendenza alla discesa in sede mediastinico superiore e deviazione dell'asse tracheale, il tutto poi confermato dall'esecuzione aggiuntiva di un RX studio profilo tracheale o una TAC collo-mediastino.

Newletter

Sondaggio

Per quale scopo utilizzi il sito ?

Per informazioni - 38.1%
Per problemi di salute - 9.5%
Per la prevenzione - 52.4%
Curiosità - 0%

Voti Totali: 21
Il sondaggio è finito il: 15 Mag 2013 - 00:00

Login